Cervara di Roma (RM)

Liberamente tratto da Wikipedia

Cervara di Roma

Cervara di Roma è un comune italiano di 444 abitanti della città metropolitana di Roma Capitale nel Lazio.

Dista 70 chilometri da Roma, capoluogo della omonima provincia e il territorio del comune risulta compreso tra i 419 e i 1.611 metri di altitudine sul livello del mare con un dislivello altimetrico complessivo pari a 1.192 metri, lungo le pendici dei Monti Simbruini. Il centro abitato comunale di Cervara posto a 1.053 m s.l.m. risulta essere il più alto della città metropolitana di Roma e il secondo del Lazio dopo Filettino.

È la porta d’ingresso al parco naturale regionale dei Monti Simbruini, che con i suoi 29.990 ettari rappresenta la più grande area protetta della regione Lazio.

Chiesa di Maria Santissima della Visitazione.

La chiesa, intitolata anche a Sant’Elisabetta e a San Felice, si trova nei pressi dei ruderi della rocca medievale del centro storico. È costruita interamente in pietra locale e possiede un antico campanile e un portale d’ingresso è del XV secolo.

L’interno contiene tesori d’arte: alla prima metà del Seicento risale il quadro ad olio su tela che rappresenta la Visitazione, attribuito a Vincenzo Manenti di Orvinio, e al medesimo periodo appartiene anche l’altro dipinto, posto sull’altare maggiore, che raffigura la Madonna del Carmine. Sotto l’altare maggiore è conservato il corpo di un martire della chiesa, dono di Pio VI a Cervara, trovato nelle catacombe di San Callìsto a Roma. Vicino fu trovata una lapide con l’iscrizione “Felix” così gli fu dato il nome di San Felice che è il protettore del paese.

Chiesa di Santa Maria della Portella.

La chiesa prende il nome dalla posizione presso le porte del paese. È situata in posizione dominante la valle dell’Aniene. Fu istituita nel 1702 dai Padri Gesuiti “in occasione delle sante missioni che fecero in detta terra”; ma la sua costruzione potrebbe porsi tra il 1514 e la fine degli anni sessanta. All’interno si conserva una statua in terracotta raffigurante una Madonna con Bambino.

Chiesa di Sant’Emidio

Chiesa di San Rocco, santo protettore dalle epidemie, posta sulla via di Camerata e “della porta in montagna”.

Sito archeologico presso la località Le Morre (tarda età della pietra/prima età del bronzo).

Parco di Campaegli, definito di grande interesse archeologico prof. Cannata, Piano d’assetto- Comunità Montana dell’Aniene 1968 – Grotta Stoccolma

Nella frazione di Campaegli, situata su un piccolo altipiano a 1.430 m s.l.m. è presente un punto informativo del Parco naturale regionale dell’Appennino – Monti Simbruini

Nella frazione Campaegli in quota si possono praticare sport di montagna tutto l’anno: sleedog, sci di fondo, equiturismo, calcetto, tennis.

15 agosto Processione dell’Inchinata caratteristico incontro tra due processioni.

16 agosto Festa di San Rocco con ballo della “Mammoccia”, pupazza di carta intorno alla quale avvengono i festeggiamenti.

fine agosto “Palio di Campaegli”, Torneo cavalleresco, “campo d’arme” di Campaegli.

Museo della Montagna: transumanti e pitturi. Il museo si sviluppa su due piani, si articola nelle principali sezioni dedicate alla pastorizia, ai grandi cicli cerimoniali, all’attività femminile, ai costumi locali, con relativa oreficeria, “topoi” del bel costume italiano, all’agricoltura, all’artigianato, alla religiosità, a Munistrigliu, località che ospitava sia il santuario rurale della Madonna della Portella che la fonte e il lavatoio, importante punto di ritrovo delle donne del paese. Offre attualmente al visitatore un apparato didattico consistente in schede in italiano, in inglese ed in Braille.

Veduta di Cervare, dipinto del 1853 di Jacob Jacobson.

Le caratteristiche naturali di Cervara sono state spesso motivo di richiamo. Fin dai primi anni del 1800 fu inserita nell’itinerario degli artisti stranieri che, nel loro soggiorno romano, oltre ad ammirare le vestigia antiche e le opere d’arte conservate nei musei, presero a perlustrare i dintorni.

Il primo a realizzare un’opera a Cervara fu Joseph Anton Koch, pittore di origine tirolese che, soggiornando nella Campagna Romana (ad Olevano Romano ) per più di trent’anni nel periodo estivo, vi giunse nel 1810 e ne lasciò una testimonianza in un’incisione.

Vi furono Bartolomeo Pinelli, il più prolifico illustratore di Roma e della sua provincia con i suoi circa 10.000 disegni e incisioni, Adrian Ludwig Richter che realizzò un paesaggio cervarolo nel 1826: un disegno a penna oggi nel museo di Dresda (Kupferstichkabinett Dresden).

Vi fu perfino Samuel Morse, pittore, storico, ma soprattutto conosciuto per essere l’inventore del famoso codice Morse; caricati i bagagli su due muli giunse da Subiaco il 24 maggio 1830 (“Il paesaggio è grandioso, passato un querceto, appare Cervara dove si arriva per un sentiero di capre. Nessuna carrozza ci passerebbe mai…C’è qualcosa di stranamente maestoso nella calma di un posto come questo. Vi regna, per lo più, un silenzio perfetto”).

E ancora il pittore tedesco Ernst Willers, che nel 1836 realizzò un quadro conservato oggi nella Kunsthalle (pinacoteca) di Brema, scrittori quali Edward Lear, che eseguì nel 1838 alcune litografie; il critico letterario francese Théophile Gautier, il pittore realista Jean-Baptiste Camille Corot, Karl von Blaas, che fu influenzato dai Nazareni, gruppo di pittori romantici tedeschi attivi a Roma e Provincia nel XIX secolo; l’austriaco Robert Wellmann, che fu il primo artista a giungere nel 1900, il quale acquistò in contrada “la Maddalena” una villa in cui visse ed operò per alcuni anni. E infine Oskar Kokoschka, pittore e drammaturgo austriaco che studiò a diretto contatto con Gustav Klimt nel periodo della Secessione viennese, giungendovi nel 1930.

Dopo la seconda guerra mondiale, fu solo negli anni sessanta che il legame tra gli artisti e Cervara tornò a saldarsi. Sante Monachesi il fondatore del “Movimento Futurista Marche”, il neorealista Domenico Purificato e Aldo Riso, furono tra i primi ad avventurarsi per le stradine del centro storico. In questi anni spicca sicuramente il poeta spagnolo Rafael Alberti, dove una sua poesia domina la piazza principale. Simbolo di una poesia incentrata sull’impegno politico e civile, fu costretto a trascorrere buona parte della sua vita in esilio tra Francia, Messico, Argentina e dal 1964 visse in Italia in provincia di Roma, per poi far ritorno nella sua terra natìa solo dopo la morte di Francisco Franco.

Negli anni settanta numerosi artisti (tra cui Eric Hebborn, Giuseppe Ciotti e Julianos Kattinis) vollero lasciare sui muri traccia del loro paesaggio con affreschi e murales. Agli inizi degli anni ottanta il maestro Vincenzo Bianchi, titolare della Cattedra di Scultura dell’Accademia di belle arti di Firenze, coadiuvato dai suoi allievi, realizzò forme scultoree sulla roccia calcarea a strapiombo sulla piazzetta, definita “La Montagna D’Europa” dedicata alla pace nel mondo, modellata con sculture simbolo di fratellanza, pace e solidarietà.

Ma tra tutti gi artisti che hanno soggiornato e lasciato una loro testimonianza del paese, il pittore che ha immortalato il piccolo comune rendendolo famoso in Italia e in Europa fu Ernest Hébert (Grenoble, 1817 – La Tronche, 1908). Innamorato delle “cervaroles”, fu il cantore di ogni loro espressione, di ogni loro gesto. Si installò nel paese ed iniziò a vivere la vita semplice, rude ed austera dei paesani. L’ambiente circostante ed il paesaggio crearono in lui una serenità d’animo ed una forza ispiratrice tanto che realizzò opere altamente significative, quasi tutte, in seguito, esposte con largo consenso della critica: Rosanera alla fontana, Le pic de Cervara (Il picco di Cervara), Une rue a’ Cervara (Una strada di Cervara), Porteuse d’eau de Cervara (Portatrice d’acqua), Les Cèrvaroles (Donne di Cervara).

Il quadro che più di tutti eccelle è Les Cèrvaroles ora esposto a Parigi al Museo d’Orsay.

Ennio Morricone ha composto musiche inedite dal titolo ” Notturno per Cervara” e ” Passacaglia per Cervara” nel 1998, dirette da Andrea Morricone con Roma Sinfonietta a Cervara il 2 luglio 1998.

Cervara è uno dei luoghi dove è stato girato il film di Checco Zalone Quo Vado? del 1º gennaio 2016 col finto nome di Castrovizzo.

Ultima settimana di settembre Festa degli artisti e sagra del tartufo

rassegna “Bruno Vailati” a Campaegli dal 1983 di educazione ambientale, equitazione ed equiterapie, rievocazioni storiche, artigianato, micologia

Nel 1991 la rivista Airone, con il patrocinio della Comunità Europea, ha conferito a Cervara di Roma il diploma di Villaggio Ideale d’Italia. I Monti Simbruini sono stati insigniti da Airone nel 2004 come parte di 100 siti italiani pregiati per l’avifauna presente.

Il tartufo di Cervara ha ottenuto il riconoscimento di Prodotto agroalimentario tradizionale laziale (vedi al numero 182).

Cervara fa parte del club dei borghi autentici d’Italia.

About the author / enzodurbano


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.camminosanpietroeremita.it/home/wp-content/themes/lukla/template-parts/related-posts.php on line 32

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.camminosanpietroeremita.it/home/wp-content/themes/lukla/template-parts/related-posts.php on line 52

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *